COME ALZARE IL PH BASSO DELLA PISCINA

Alcuni suggerimenti per aumentare il pH in piscina

Il pH è un parametro molto importante per la gestione della piscina, oltre che per l’azione diretta su occhi, mucose, pelle, per l’effetto sulla precipitazione del calcare e per l’efficacia della disinfezione a cloro.

In particolare, pH troppo elevati possono creare le condizioni perché rapidamente si formino incrostazioni o torbidità per la precipitazione di carbonato di calcio (calcare) o perdita di efficacia del cloro e quindi carenza di disinfezione e sviluppo di alghe.

Normalmente il pH delle piscine tende ad alzarsi e quindi l’operazione più comune rispetto al pH è quella della riduzione, tuttavia può essere necessario in alcune particolari condizioni alzare il pH perché tendente ad abbassarsi troppo.

Prodotti per aumentare il pH

I prodotti per alzare il pH sono essenzialmente due: CTX-25 incrementatore di pH liquido e CTX-20 incrementatore di pH granulare; il primo si utilizza tramite pompe dosatrici controllate da centralina o elettrodo, il secondo è invece utilizzato per dosaggi manuali.

Gradualità dell’intervento

Particolarmente importante quando si deve incrementare il pH è la gradualità dell’intervento, Nel caso delle pompe automatiche di dosaggio è bene regolare la pompa ad una portata relativamente bassa e prestare molta attenzione alla pulizia periodica dell’iniettore che avrà tendenza ad otturarsi per incrostazioni calcaree.

Nel caso di incrementi con trattamento manuale è importante operare con estrema gradualità dividendo il prodotto da usare in più porzioni, scioglierlo in acqua e spargerlo il più uniformemente possibile sulla piscina per evitare concentrazioni eccessive in zone della piscina stessa che potrebbero determinare locali innalzamenti del pH con conseguenti problemi di precipitazione calcaree localizzati in queste zone